Renzi’s government, pride and prejudice. Something that no one is saying about Italy (February, 25th 2015)

150225-matteo-renzi2.jpg
 

(Italian translation is available here)

Renzi’s government tries to change the image of Italy abroad with a communication campaign based on national excellence

A new vision of Italy

Since January 2015 the Italian Ministry of Finance (MEF) web site proposes a new section called “Pride and prejudice” focused on the strengths and excellence of “Country Italy”.
In the international community Italy is often described by negative indicators: public debt, low competitiveness, the nominal budget deficit which in the past has caused an infringement procedure by the European Commission.
However there are many other economic gains to represent Italy for what it really is: one of the main countries of the developed world, the second country to manufacturing in Europe, the third largest economy in the eurozone.
A country that in the last twenty years has been able to keep their accounts under control ranking among the best performing in Europe and the world.
So now the web site of MEF offers a concise presentation (in Italian and English) which provides some economic data about Italy that are not known or not well enough and that are designed to eliminate bias and to adequately represent a country that has actively contributed to the creation of the European Union.

150225-pride4.png

Matteo Renzi and the Italian excellence: the video “Italy - the extraordinary commonplace”

Matteo Renzi has always claimed that Italians must regain the pride of living in the “most beautiful country in the world” and be the first ambassadors of Italian beauty in the rest of the world.
Following this philosophy on February 23rd, 2015 the Italian Ministry of Economic Development has made a video called “Italy the extraordinary commonplace”; the goal of the video is to generate new knowledge about Italy, its excellence, its real position in the world, to stimulate the growth of “made in Italy” abroad and attract foreign investments in Italy.

150225-pride2.jpg

10 truths about Italian competitiveness

Similar concepts have also  been expressed by independent research centers and business associations.
On December 2014 for example the foundations Symbola and Edison with Unioncamere published a research entitled “10 truths about Italian competitiveness” which invited to have a look at Italy with new eyes beginning with the enhancement of our strengths.
The study highlights several important aspects:

  • Italy is enlisted among the only five countries in the world to have a foreign manufacturing trade surplus of more than 100 billion dollars;
  • from 2008 to 2013 we have increased our export share by 16.5% - outperforming Germany (11.6%) and France (5.9%);
  • the Italian machinery industry, with a surplus of 53 billion US dollars, is third in the international ranking of trade balance; we are behind Germany and Japan, but ahead of China and South Korea.

150225-podium2.jpg

Links

See also

Governo Renzi, orgoglio e pregiudizio. Quello che non si dice sull’Italia (25 febbraio 2015)

Politica: 

150225-matteo-renzi2.jpg

(English translation is available here)

Il governo Renzi cerca di modificare l’immagine dell’Italia all’estero con una campagna di comunicazione basata sulle eccellenze nazionali

I numeri della nuova Italia

Da gennaio 2015 il sito del Ministero delle Finanze italiano propone una nuova sezione “Pride and prejudice”  dedicata ai di punti di forza e di eccellenza del “Paese Italia”.
L’Italia viene infatti spesso descritta, soprattutto nella comunità internazionale, sulla base di alcuni indicatori negativi: il debito pubblico, la bassa competitività, il deficit nominale di bilancio che in passato ha determinato l'apertura di una procedura di infrazione da parte della Commissione europea.
Tuttavia ci sono tante altre grandezze economiche utili a rappresentare l’Italia per ciò che è: uno dei paesi principali del mondo sviluppato, il secondo paese per produzione manifatturiera in Europa, la terza economia dell’Eurozona.
Un paese che negli ultimi venti anni ha saputo tenere i propri conti sotto controllo collocandosi tra i più virtuosi in Europa e nel mondo.
Il sito del MEF, offre una sintetica presentazione (in italiano e inglese) con i dati economici più rilevanti dell’Italia con l’obiettivo di combattere il pregiudizio e rappresentare adeguatamente un Paese che ha contribuito a fondare l’Unione Europea.

150225-pride4.png

Matteo Renzi e le eccellenze italiane: Il video “Italy - The extraordinary commonplace”

Matteo Renzi ha sempre affermato che gli italiani devono ritrovare l’orgoglio di vivere nel “Paese più bello del mondo” ed essere i primi ambasciatori della bellezza italiana nel resto del mondo.
Seguendo questa filosofia il 23 febbraio 2015 il Ministero dello Sviluppo economico ha realizzato
il video “Italy the extraordinary commonplace”; l’obiettivo del video è generare nuova consapevolezza sull’Italia, sulle sue eccellenze, sul suo reale posizionamento nel mondo e stimolare la crescita del “made in Italy” all’estero e degli investimenti esteri in Italia.

150225-pride2.jpg

10 verità sulla competitività italiana

Concetti simili sono state espressi anche da centri di ricerca indipendenti o legati alle associazioni imprenditoriali.
Ad esempio nel dicembre 2014 le fondazioni Symbola e Edison insieme con Unioncamere hanno pubblicato uno studio dal titolo “10 verità sulla competitività italiana” che invita a guardare con occhi nuovi all’Italia cominciando con la valorizzazione dei nostri punti di forza.
Lo studio sottolinea diversi aspetti di rilievo:

  • l’Italia è tra i soli cinque paesi al mondo ad avere un surplus commerciale manifatturiero con l’estero superiore ai 100 miliardi di dollari;
  • dal 2008 al 2013 abbiamo incrementato l’export del 16,5% facendo meglio di Germania (11,6%) e Francia (5,9%);
  • la meccanica italiana, con 53 miliardi di dollari di surplus, è terza nella graduatoria internazionale che misura il saldo della bilancia commerciale, preceduta da quella tedesca e giapponese ma davanti a quella cinese e sud coreana.

150225-podium2.jpg

Link

Political record of the first year of Renzi government: economic forecast is fair but popularity is beginning to decrease (February, 21st 2015)

150221-sondaggio-agora.jpg
(Italian translation available here)

The last Italian political polls say that Renzi’s popularity is stable but Government’s one is downing. A warning for Democratic Party but finally the economy is showing optimistic signs which encourage Matteo Renzi to announce new reforms against lobbies and for dismantling privileges

Stable faith in Matteo Renzi: 40%

According to last political survey conducted by Ixè for RAI, the public Italian TV channel, Italians confirm their faith in Matteo Renzi (40%) but popularity of Democratic government is down to 33% as opposed to 35% of the previous week.

OECD previsions

In its latest Economic Survey of Italy, the OECD estimates that if fully implemented, reforms introduced in Italy, should raise GDP by an additional 6% over ten years.
The report adds that in order to achieve this, full and effective implementation of the reforms announced by Renzi government is necessary.
Most important are the plans to improve the structure of Parliament, the division of responsibility between central and regional governments and the so-called “Jobs Act” aimed to rationalise employment protection, expand active labour market policies, make social protection more effective and boost women’s participation in the workforce.
The OECD report emphasises that the reformed standard labour contract for new hires, with employment protection rising with job tenure, needs to be fully implemented and complemented with further improvements foreseen in the Jobs Act. Flexible hours, improved policy on parental leave and affordable, quality child care should be introduced to encourage more women to enter the workforce.
According to OECD Renzi government must improve the areas of public expenditure, transparency and effective action on corruption.

New reforms against lobbies and for dismantling privileges

Matteo Renzi announced a new series of government reforms to improve citizens opportunities reducing the costs of services of insurance and energy companies and decrease the obligations of using (and paying) notaries for many business transactions.

The true opponents of Matteo Renzi

The newly announced reforms confirm that the project of mister Renzi is to free Italy from all the confines which impede Italy from modernization.
So the true opponents of the government are not the right-wing parties in the Parliament but rather the “groups of privilege”.
In this sense the most important allies of Renzi are the Italian citizens who will have undoubted advantages from the announced  government action.

Links

See also

Un anno di governo Renzi. L’economia volge al bello ma la fiducia è in discesa (21 febbraio 2015)

Politica: 

150221-sondaggio-agora.jpg
 

(English translation available here)

Secondo le stime dell’OCSE presentate nell’ultimo Studio Economico sull’Italia, le riforme introdotte in Italia, se pienamente attuate, dovrebbero portare a un aumento del PIL del 6% nell’arco di 10 anni.
A questo fine, l’attuazione completa delle riforme è assolutamente necessaria.
Di particolare importanza sono le misure volte a migliorare la struttura del Parlamento e la divisione delle responsabilità tra Stato e Regioni,

Il Jobs Act, adottato nel 2014, mira a razionalizzare la tutela del lavoro, ampliare le politiche attive del mercato del lavoro, rendere più efficace la protezione sociale e accrescere la partecipazione delle donne al mondo del lavoro. Secondo le stime dell’OCSE, una piena ed effettiva attuazione del Jobs Act potrebbe portare ad un aumento ulteriore della crescita e dell’occupazione, eliminando molti degli ostacoli per la creazione di opportunità di lavoro.    
Il rapporto rileva inoltre che il nuovo contratto unico per le nuove assunzioni, che prevede un aumento delle tutele col passare del tempo, va attuato pienamente e integrato da ulteriori miglioramenti previsti nel Jobs Act. Orari di lavoro flessibili, una politica migliore per rendere il congedo parentale più accessibile, una buona qualità dei servizi di assistenza all’infanzia, sono condizioni fondamentali per promuovere una più alta partecipazione delle donne alla forza lavoro

Bisogna inoltre lavorare per migliorare l’efficienza della spesa pubblica, favorendo una migliore trasparenza e una lotta efficace alla corruzione.

Una Sintesi dello Studio Economico 2015 sull’Italia è disponibile in Inglese, Francese e Italiano in: http://www.oecd.org/italy/economic-survey-italy.htm.

Nuove riforme contro lobby e per smantellare i privilegi

Matteo Renzi ha annunciato una nuova serie di riforme del governo per ridurre i costi dei cittadini nel campo dei servizi assicurativi e dell’energia e riducendo gli obblighi di avvalersi (e pagare) i notai per molte compravendite commerciali.

I veri avversari di Matteo Renzi

Le riforme recentemente annunciate confermano che il progetto di Renzi consiste nel liberare l’Italia da tutti i legami e impedimenti che impediscono una vera modernizzazione.
Così i veri oppositori del governo non sono i partiti di destra in Parlamento, ma piuttosto i “gruppi di interessi” e le lobby.
In questo senso i più importanti alleati del Renzi sono i cittadini italiani che avranno indubbi vantaggi dalle annunciate azioni di governo.

Links

Matteo Renzi relaunches the challenge with an open letter to his political activists (February 7th, 2015)

131126-renzi-2
Renzi’s new adversaries are the opponents of any changes in Italy: industrial and financial lobbies, Trade Unions leaders with their old-fashioned mentality, people who fear the future and reforms which can not longer delayed

(available in Italian too)

After his overwhelming political victory in the Italian presidential election, Matteo Renzi the dynamic prime minister of Italy faces a new challenge: to conquer once and for all the heart and soul of democratic activists with the project on a new, larger and inclusive Democratic Party.
The political game in Italy has changed once again.
After the division and the destruction of the center-right party of Silvio Berlusconi and of the new political movement “Cinque Stelle” – the real surprise of last political elections in 2013 – Matteo Renzi confirmed his strategy: turning Italy inside out to eliminate the gap with other western countries due to 20 years of delay in political reforms.
The new enemies of Renzi are no more Berlusconi or Beppe Grillo while Salvini the emerging leader of a new populist and demagogic right-wing appears incapable to attract consensus in the majority of the electoral body.
Renzi’s new adversaries are the opponents of any changes in Italy: industrial and financial lobbies, Trade Unions leaders with their old-fashioned mentality, people who fear the future and reforms which can not longer delayed.
So the strategy of Renzi is to enlarge the boundaries of the Democratic Party to encompass all the areas of democratic and liberal reforming movements.
The first act of this new strategy has already happen: 9 senators of “Scelta Civica” - a little party born from schism in the Democratic party before the election of 2013 and after the initial defeat of Renzi as leader of the Democratic Party - announced their return to PD.
Now Matteo Renzi has to play his game primarily inside his party to reassure militants, coming mainly from the old Communist Party, that the big  new Democratic Party will remain a left-wing entity.
Fortunately Renzi’s political adversaries seem not have clear ideas on how contrast his action.

The open letter of Matteo Renzi to democrats

Dear democrats,
In April 2013 the divisions, the controversies and the tensions inside the Democratic Party impeded the election of the new President of the Republic and only a gesture of generosity by Giorgio Napolitano allowed us to avoid a very painful impasse for the Country.
The last week thanks to a collective  discussion and sharing of ideas the PD was able to finally cancel that negative event choosing Sergio Mattarella as its own candidate and proposing his election to other political parties.
You know the final result.
Waiting for the oath of the new president – a rigorous and authentic defender of the constitutional values – I would all the PD feel proud to have written a new page in the history of our Country.
We are the change Italy has been waiting for for too many years.
We, with our faults and our potential.
We, with our deputies and senators and our militants.
We, with our dreams and our projects.
We are the changing Italy.
And we must be aware of and responsible for this.
The path of reforms we must take is challenging: the constitution, the electoral law, taxation, justice, public administration, the third sector, civil rights, land laws, labor, reforms of military defense, public television, culture up to the important subject of schools and education which for me are the central point of the PD.
Let us go forward with even greater determination.
Empowered by the result of the vote of the President of the Republic, of course.
Empowered by first signs of economic recovery, of course.
But especially empowered by a passion that is felt by all of us.

Best wishes,
Matteo Renzi

 

Matteo Renzi rilancia la sua sfida per il cambiamento con una lettera aperta agli iscritti del PD (7 febbraio 2015)

Politica: 

131126-renzi-2

(available in English too)

Dopo la sua schiacciante vittoria politica nelle elezioni presidenziali, Matteo Renzi l’iperattivo primo ministro italiano affronta una nuova sfida: conquistare una volta per tutte il cuore e l’anima dei militanti del Partito Democratico con il progetto di un nuovo, più ampio e inclusivo partito.
La partita politica in Italia cambia ancora una volta.
Dopo aver prima diviso e poi sconfitto sia il centro-destra di Silvio Berlusconi sia il nuovo movimento politico “Cinque Stelle” - la vera sorpresa delle elezioni politiche del 2013 - Matteo Renzi conferma la sua strategia: trasformare completamente l’Italia colmando rapidamente il divario con gli altri paesi occidentali causato da 20 anni di ritardo nelle riforme politiche ed economiche.
Oggi i nuovi nemici di Renzi non sono più Berlusconi o Beppe Grillo ed anche Salvini leader emergente di una nuova destra populista e demagogica non sembra capace di attrarre i consensi della maggioranza del corpo elettorale.
I veri nuovi avversari di Renzi sono i soliti che si oppongono a ogni cambiamento in Italia: lobby industriali e finanziarie, leader sindacali leader con una mentalità da secolo scorso, tutti coloro che hanno paura del futuro e di riforme che non possono più essere rinviate.
Così la strategia di Renzi è di ampliare i confini del Partito Democratico accogliendo le varie anime dei tanti movimenti riformatori, democratici e liberali.
Il primo atto di questa nuova strategia ha già avuto luogo: 9 senatori di “Scelta Civica” - un piccolo partito nato da una scissione del PD prima delle elezioni del 2013 subito dopo la sconfitta iniziale di Renzi nella corda alla leadership del Partito Democratico - hanno annunciato il loro ritorno nel PD.
Oggi Matteo Renzi deve giocare la sua partita soprattutto all’interno del PD per rassicurare i militanti, in gran parte provenienti dal vecchio Partito Comunista, che il nuovo grande partito democratico rimarrà ancorato alla sinistra.
Fortunatamente gli avversari politici di Renzi non sembrano avere le idee chiare su come contrastare la sua azione politica.

La lettera aperta di Matteo Renzi ai democratici

Care democratiche, cari democratici,

nell’aprile 2013 le divisioni, le polemiche, le tensioni interne al Partito Democratico crearono le condizioni per la mancata elezione del Presidente della Repubblica. Solo un gesto di generosità di Giorgio Napolitano permise di uscire da una situazione di impasse molto dolorosa.

La settimana scorsa, grazie a un percorso di condivisione e ascolto, di confronto e dialogo, il PD si è dimostrato capace di cancellare quella brutta pagina e di indicare Sergio Mattarella come proprio candidato alle altre forze politiche.

Conoscete il risultato. In attesa del giuramento del nuovo Presidente – uomo rigoroso e autentico interprete dei valori costituzionali – vorrei che tutto il PD si sentisse fiero e orgoglioso di aver scritto una pagina nuova nella storia del nostro Paese.

Siamo noi il cambiamento che l’Italia sta aspettando da troppi anni. Noi, con i nostri difetti e con le nostre potenzialità. Noi, con i nostri parlamentari e i nostri militanti. Noi, con i nostri sogni e i nostri progetti. Noi siamo l’Italia che cambia. E dobbiamo esserne consapevoli e responsabili.

Il percorso delle riforme è impegnativo: Costituzione, legge elettorale, fisco, giustizia, pubblica amministrazione, terzo settore, diritti civili, ius soli, lavoro, libro bianco della difesa, Rai, cultura fino ad arrivare al grande tema della scuola e dell’educazione che sono per me il punto centrale del PD. Andiamo avanti con ancora maggiore determinazione. Forti del risultato sulla votazione del Presidente della Repubblica, certo. Forti dei primi segnali (ancora timidi) sulla ripresa economica, ovvio. Ma forti soprattutto della passione che anima tutte e tutti voi.

Siamo il PD, la più grande comunità politica europea. La più grande speranza della politica italiana. Guai a noi se ci tirassimo indietro o se abdicassimo davanti alle nostre responsabilità.

L’Italia ha bisogno della nostra energia e del nostro entusiasmo.

Un caro saluto,
Matteo

 

Democratici erranti – incontro dell’8 gennaio 2015 al Circolo Pd “S. Godenzo Cassia, Tomba di Nerone” di Roma (19 gennaio 2015)

clip4.jpg
(fonte immagine: http://www.phillipmartin.info/clipart/homepage.htm)

Sono le persone che nessuno immagina che possano fare certe cose, quelle che fanno cose che nessuno può immaginare (cit. da “The Imitation Game”  )

Antefatto ...

Alla fine del 2014 avevo sentito parlare di un gruppo di “democratici erranti” che si muovevano di Circolo PD in Circolo PD a Roma per confrontarsi su buone pratiche politiche e proporre nuovi modelli di partecipazione.
La girandola di drammatici avvenimenti che hanno portato al commissariamento del PD Roma mi ha poi distolto dal tema ma poi un giorno incontrando casualmente Italo di Ponte Milvio  scopro che lui è uno dei misteriosi “democratici erranti” e così mi sono autoinvitato al successivo incontro.
Mi ritrovo dunque l’8 gennaio 2015, in una sera buia e tempestosa, seduto intorno ad un tavolo al Circolo PD “S. Godenzo Cassia Cassia, Tomba di Nerone”  insieme a volti nuovi e vecchi amici e compagni già incontrati in tante occasioni.
Ciak! Si inizia.

8 Circoli PD intorno ad un tavolo

Accogliendomi Italo mi comunica la prima (piacevole) sorpresa: i “democratici erranti” sono cresciuti di numero rispetto al precedente incontro.
Siamo infatti una quindicina di persone iscritte in 8 diversi Circoli PD della Capitale: Alberone, Ottavia, Parioli, Ponte Milvio, San Giovanni, Torrevecchia-Primavalle, Pigneto, S. Godenzo Cassia Cassia, Tomba di Nerone
Prendono la parola Angelo, Letizi, Andrea, Italo (the founders!) per spiegare ai “nuovi” che l’obiettivo dei “democratici erranti” è lavorare dall’interno del PD per renderlo più aperto, inclusivo e capace di confrontarsi con la società civile così da renderlo un luogo di incontro, di scambio e di dibattito vero sulle grandi questioni che in questo periodo animano e preoccupano il Paese.
Il metodo che gli erranti hanno scelto per conseguire tali obiettivi consiste in una serie di riunioni da tenersi a turno nei vari Circoli proponendo temi di riflessione politica e presentando esempi di buone pratiche già sperimentate anche con l’intento di far avvicinare al Partito Democratico persone esterne.
Si discute, anche animatamente, delle iniziative da portare avanti e tra tanti suggerimenti e suggestioni emergono due temi da approfondire

  1. il database delle competenze degli iscritti
  2. il catalogo delle “best practice” dei Circoli

Il database delle competenze

Questa iniziativa consiste nel registrare e mettere a disposizione del Partito le competenze professionali degli iscritti del PD per farne uno strumento di ausilio all’attività politica e sociale del partito.

Il catalogo delle best practice dei Circoli

Questa iniziativa consiste nel documentare, condividere e rendere fruibili le migliori prassi politiche che ciascuno di noi ha avuto modo di apprezzare nella propria esperienza di Circolo.
Si parla in particolare di due “case history”:

  • “Dillo a noi”: lo sportello per i cittadini istituito dal Circolo di Ponte Milvio
  • PGTU – nuovo Piano Generale del Traffico Urbano di Roma”: un progetto di studio e miglioramento del nuovo piano del traffico del Comune di Roma che tre Circoli PD del VII Municipio di Roma (San Giovanni, Via Crema e Alberone) stanno portando avanti in modo coordinato (qui una presentazione del progetto in word e pdf, qui le slide in ppt e pdf).

Il commissariamento del PD di Roma

Ovviamente i Democratici erranti non potevano non confrontarsi su quanto sta accadendo nel PD di Roma.
L’idea comune è che la nostra azione di “rinnovamento” che parte dal basso sarà messa a disposizione del commissario Orfini e del suo vice Barca grazie proprio alla realizzazione di un “catalogo delle best practice” e al “database delle competenze”.

Prossimo incontro

Il prossimo incontro dei Democratici Erranti avrà luogo mercoledì 18 febbraio 2015 (a breve il Circolo prescelto) con l’agenda che segue.

  • selezione delle “best practice” da divulgare nei prossimi mesi
  • definizione del calendario definitivo degli incontri per i prossimi mesi
  • strumenti, ruoli e organizzazione interna del gruppo.

I partecipanti

I nomi dei partecipanti all’incontro dell’8 gennaio 2015 (in ordine alfabetico): Agatino, Alessandra, Alessandro, Andrea, Angelo, Antonio, Augusto, Carla, Carlo, Claudio, Delizia, Italo, Nicola, Simone

 

Costituzione delle Commissioni dell’assemblea regionale del partito Democratico del Lazio (15 gennaio 2015)

150115-melilli_bonaccorsi-2

Al via dieci Commissioni nell’assemblea regionale del PD Lazio. Invito a partecipare

Ai membri dell’assemblea regionale del partito Democratico.

Carissimi, come sapete, l’art 7 del nostro statuto prevede che l’assemblea regionale possa esprimere indirizzi sulla politica del partito sia attraverso riunioni plenarie, sia attraverso commissioni permanenti o temporanee. Come già comunicato all’assemblea, al fine di rendere tutti partecipi delle scelte del partito, stiamo dando vita a specifiche commissioni che avranno il compito di elaborare le proposte del PD del Lazio sulle singole tematiche che riguardano la nostra regione e la nostra forma partito.

I gruppi che costituiremo ed ai quali potete aderire sono i seguenti:

  1. Riforme e assetti istituzionali
  2. Infrastrutture, mobilità e innovazione
  3. Lavoro e formazione professionale
  4. Politiche di bilancio e sviluppo economico
  5. Diritti welfare e immigrazione
  6. Istruzione, università e ricerca
  7. Forma partito, statuto e regole interne
  8. Cultura e turismo
  9. Ambiente agricoltura
  10. Politiche europee e fondi strutturali.

Naturalmente il forum sanità, al quale potete richiedere di essere invitati, prosegue i suoi lavori. Vi preghiamo di voler comunicare entro il mese di gennaio la commissione alla quale intendete partecipare utilizzando la mail del pd regionale (segreteria@pdlazio.it). Con l’occasione vi comunichiamo che il PD Lazio, il PD della provincia di Roma ed il Pd Roma si sono in questi giorni trasferiti nella nuova sede in via Via degli Scialoja n.3 (angolo Via Flaminia 53) Roma. La scelta ci consente un risparmio notevole sulle spese di gestione ed una migliore utilizzazione degli spazi.

Cordiali saluti

Fabio Melilli, segretario del PD Lazio

Lorenza Bonaccorsi, presidente dell’Assemblea del PD Lazio

Articoli collegati

Circolo Quadraro di Roma: “Contro corruzione e criminalità per un nuovo PD” (19 dicembre 2014)

141219-riunione-quadraro.jpg
(foto tratta da pagina FB di Ennio clicca per ingrandire)

“Possiamo sempre fare qualcosa” Giovanni Falcone

141219-locandina-quadraro.jpg

Il 19 dicembre 2014 iscritti ed eletti dei Circoli del Partito Democratico di Roma del Quadraro, Quintili (V Municipio) e Tuscolano (VII Municipio), si sono incontrati nella sede di via degli Arvali n. 6 (mappa) per una riflessione collettiva su corruzione, criminalità economica e legalità.
La discussione è stata molto accesa e partecipata.
In riferimento a quanto emerso dalle indagini sulle infiltrazioni criminali nell’amministrazione capitolina e anche nel Partito democratico di Roma, al di là delle responsabilità penali individuali che saranno individuate dalla Magistratura,  sono troppi gli episodi che rivelano comportamenti non virtuosi e infiltrazioni del malaffare.
Bene ha fatto il segretario nazionale a commissariare il PD Roma.
Tuttavia va riaffermato con forza e orgoglio che esiste una parte sana e maggioritaria del partito formata da Circoli “veri” impegnati sui territori e da tanti iscritti ed amministratori che lavorano ogni giorno per risolvere i problemi dei cittadini.
All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, la deputata Laura Coccia, la consigliere comunale Erica Battaglia, Salvatore Salmeri  consigliere del V Municipio di Roma.
Di seguito una sintesi degli interventi.

banner-contro-corruzione.jpg

Benvenuto a cura di Giampiero Buttitta segretario circolo Quadraro Quintili e Andrea Occhiello segretario circolo Quadraro Tuscolano

giampiero-butitta.jpg

Giampiero ha aperto l’incontro ricordando la frase del giudice Falcone: “Possiamo sempre fare qualcosa” quando ci troviamo di fronte a comportamenti illegali e a distorsioni di comportamenti corretti. Proprio per salvaguardare l’impegno e la dedizione di tutti coloro che si impegnano ogni giorno per il PD è necessario che Matteo Orfini, il commissario del PD di Roma, agisca senza remore estirpando il malaffare.
Questi eventi sono però anche occasioni per confrontarci tra di noi e con i nostri eletti per dirci chiaramente quel che va bene e quello che non va” ha poi ricordato il segretario del Circolo Quadraro Quintili.

140118-quadraro-andrea-occhiello-2
Andrea Occhiello, segretario del Circolo Quadraro Tuscolano, ha ricordato che i comportamenti virtuosi sono sempre possibili anche di fronte alle avversità e alle prepotenze citando proprio quanto è accaduto nei mesi scorsi al suo Circolo che ha deciso di lasciare la sua sede storica per non essere soggetto al controllo di nessuno.
Andrea ha poi rivolto due richieste al commissario Orfini:

  • che il il PD di Roma si costituisca come parte civile quando ci sarà il processo di “Mafia Capitale”
  • che siano commissariati anche i segretari municipali del PD di Roma per dare finalmente interlocutori politici efficienti ed autorevoli ai Circoli nei territori.

Laura Coccia

laura-coccia.jpg

Laura, che risiede al Quadraro, ed è deputato della Repubblica ha svolto una lucida analisi sugli ultimi avvenimenti, giudiziari e politici, che hanno dimostrato il livello di pericolosità delel infiltrazioni criminali nelle istituzioni.
“C’è un grave rischio” che nasce dal possibile saldarsi degli interessi criminali con le sofferenze delle periferie di Roma.
Come già dichiarato in una intervista a Radio Radicale (qui in mp3 su Radio Radicale o qui in locale) di fronte a tutti questi problemi solo una politica “pulita” può offrire vere soluzioni; è necessario però che il PD torni tra la gente per ascoltare le esigenze e per proporre soluzioni attuabili.
Da questo punto di vista i Circoli sono uno strumento indispensabile per la “buona politica”: i falsi Circoli o i Circoli controllati da “signori delle tessere” non inquinano pertanto solo i territori locali ma inficiano la politica e l’azione di rinnovamento e di riforma del Partito e del nostro governo nazionale.
Non bisogna però chiudere gli occhi di fronte all’evidenza: come ha denunciato Marianna Madia in tempi non sospetti  nel PD di Roma c’è un sistema non solo di correnti, ma “di piccole e mediocri filiere di potere” attaccate così al potere e che non vogliono cedere di un millimetro.
Infine Laura ha invitato a non far di tutta l’erba un fascio: ci sono tanti Circoli e tanti militanti che credono nella politica disinteressata e al servizio dei cittadini. Occorre prima possibile cancellare i “falsi Circoli” per salvare quelli veri.

Erica Battaglia

erica-battaglia.jpg

Erica, consigliere di Roma Capitale, ha svolto un intervento molto polemico sia sul partito romano sia sul linciaggio mediatico che la stampa e alcune forze politiche stanno operando a seguito delle indagine su “Mafia Capitale”.
Per quanto riguarda il PD Roma, Erica ha auspicato che si ritorni a far politica in modo serio in primo luogo con un tesseramento severo che non spalanchi le porte a tutti; Erica ha anche espresso i suoi dubbi su come è stata condotta la recente “conferenza programmatica” del PD di Roma  che a sua avviso andava circoscritta ai soli iscritti.
Per quanto riguarda le indagini su “Mafia Capitale” Erica ha denunciato i tentativi di “sciacallaggio” politico anche nei suoi confronti perche la “cooperativa 29 giugno” al centro delle investigazioni ha contribuito con 5.000 euro alla sua campagna elettorale ed ha ribadito di essere una persona libera che risponde solo alla sua coscienza.
“Le indagini sono solo ai primi passi” ha stigmatizzato Erica “e tutti sono innocenti fino al terzo grado di giudizio. Non vorrei che molti fossero poi costretti a chiedere scusa a chi oggi viene accusato di gravi reati”.

Altri interventi

Silvio di Francia, già assessore municipale, ha condannato i comportamenti di molti dirigenti di rilievo del PD di Roma che sembrano obbedire solo alle logiche di corrente ed invitato tutti a leggere l’Ordinanza “Mondi di mezzo” (qui in pdf) per rendersi conto del livello infimo raggiunto dalla politica a Roma;
Roberto Colasanti ex capogruppo del PD nell’ex 10° municipio ha denunciato il “tesseramento avvelenato” che c’è stato in molte zone del Municipio che impedisce di fare politica a favore dei cittadini come dimostra la querelle politica sui “Print”, i progetti urbanistici previsti dal Piano Regolatore Generale, dove si scontrano interessi personali;
Tonino Puca ha sollevato il tema della rotazione negli assessorati municipali ricordando che a gennaio 2015, in applicazione della legge 190/12 anticorruzione inizierà la rotazione degli appartenenti al Corpo della Polizia Locale Roma Capitale mentre ci sono assessori municipali che ricoprono lo stesso incarico da 15 anni;
Virna Altomare tra i fondatori del Circolo Quadraro ha auspicato che la politica ritorni ad occuparsi dei problemi veri dei cittadini e che i Circoli siano il punto di riferimento dei cittadini rispetto alle istituzioni;
Mattia Di Tommaso  già candidato alle primarie del centro sinistra per il sindaco di Roma ha svolto un dotto intervento su corruzione e politica dicendosi sgomento per quanto emerso dalle indagini ma non sorpreso;
Andrea Daco ha denunciato l’inopportunità di certi politici che anche nel PD che prendono non uno ma due stipendi da parte di istituzioni pubbliche grazie al controllo di pacchetti di tessere;
Mimmo di Biagio, presidente di  "Roma Big Bang" , ha invitato a dare una mano al commissario Orfini nella sua opera di risanamento dei Circoli di Roma auspicando una “razionalizzazione” anche mediante accorpamento dei circoli. Secondo Mimmo occorre lavorare su due binari per evitare il ripetersi di comportamenti non virtuosi:

  1. rafforzamento del partito di Roma (federazione) che deve assumere un effettivo ruolo di controllo
  2. rinnovamento dei Circoli in termini di trasparenza e democrazia partecipativa quali migliori antitodi contro l’infiltrazione del malaffare e i comportamenti non virtuosi.

Mimmo ha poi ribadito che il PD deve garantire il massimo appoggio al sindaco Marino il quale però dovrebbe stare di più tra i cittadini, migliorare la sua “comunicazione”, inserire nelal sua squadra personalità di forte competenza come ha già gfatto nel caso di Silvia Scozzese che si è rivelato un ottimo assessore al Bilancio.
Ennio Girimonte ha invitato ad attendere gli sviluppi dell’inchiesta della Magistratura prima di formulare giudizi sommari. Secondo Ennio il PD Roma può “riprendersi” se farà affidamento agli iscritti “veri” e sani, se Matteo Orfini farà seguire alle dichiarazioni iniziative concrete e se sarà seguito l’esempio del sindaco Marino il cui metodo rigoroso di rispetto delle leggi può diventare esempio di buona amministrazione.

Articoli collegati

Link

Direzione PD Lazio dell’11 dicembre 2014 – resoconto e documenti

141211-fabio-lorenza-matteo2.jpg

La mia corrente è il PD!” 

Il Pd Lazio cerca di cambiare strada ... Riflessione sulla legge elettorale regionale. Annunciata la costituzione delle Commissioni del PD Lazio

Alla Direzione ha partecipato Matteo Orfini, presidente nazionale del Partito Democratico e commissario del PD Roma.

Decadenza della mozione di sfiducia nei confronti del segretario regionale

La Direzione si è aperta con la comunicazione da parte di Lorenza Bonaccorsi, presidente del PD Lazio, della “decadenza” della mozione di sfiducia nei confronti del segretario regionale Fabio Melilli, mozione presentata durante l’assemblea del PD Lazio del 27 novembre 2014 , in quanto diversi componenti dell’Assemblea hanno ritirato la propria firma.

Intervento del segretario regionale Fabio Melilli

140625-fabio-melilli-3111-150x150.jpg

 Fabio Melilli ha esordito con una serie di considerazioni su quanto le inchieste hanno svelato sugli intrecci tra malaffare e politica a Roma. Il segretario ha ribadito che il Partito e tutti i suoi organi sono “con fermezza” dalla parte della Magistratura e ha apprezzato che il segretario nazionale Renzi si sia mosso con rapidità commissariando il PD di Roma. Il PD del Lazio sarà a fianco del commissario Mattro Orfini nella sua opera di risanamento del partito romano ha detto Melilli ribadendo che anche per il Partito democratico del Lazio è indispensabile rinnovarsi facendola definitivamente finita con le divisioni politiche e personali che impediscono di lavorare e produrre risultati. “Dobbiamo ritrovare la logica dello stare insieme” ha ribadito Melilli “ed evitare il rischio, fortissimo, che la stagnazione politica si trasformi in immobilismo amministrativo”. Il segretario Melilli ha poi proposto due battaglie politiche di rilievo per la Regione Lazio:

  1. impegnarsi per la fine di ogni tipo di consociativismo anche cambiando “le regole della politica” nate in un epoca ormai lontana
  2. riformare la legge elettorale regionale eliminando il listino, garantendo l’alternanza di genere.

Sulla legge elettorale regionale Fabio Melilli ha invitato la direzione ad una ulteriore riflessione sul sistema delle “preferenze” che troppo spesso ha causato comportamenti patologici. Il segretario ha annunciato poi che, anche su indicazione del Presidente Bonaccorsi, nell’Assemblea del PD Lazio saranno costituite, come prevede lo statuto, delle Commissioni di studio sui temi più rilevanti della politica regionale anche con il coinvolgimento di “intelligenze” del Partito non in assemblea come già annunciato per il “Forum sanità”. Un lavoro specifico sarà svolto sui Circoli del PD al fine di renderli più trasparenti e inclusivi; Piero Badaloni, già presidente della Regione Lazio dal 1995 al 2000, si occuperà della prima fase di questo progetto che consiste in una “mappatura intelligente” dei circoli regionali. Melilli ha anche auspicato un più stretto contatto tra gli organi del PD Lazio e i gruppi del Partito nei comuni più rilevanti e in regione. Concludendo il suo intervento Fabio è tornato sul tema dello scandalo “Mafia e politica” a Roma sottolineando come emerge che il “malaffare” affonda le sue radici proprio nel mondo della cooperazione e della solidarietà sociale, “dove c’è più malessere e bisogno di aiuto” e dove “avremmo dovuto essere sentinelle”; è pertanto necessario tornare all’impegno civile e sociale nei territori liberandoci di tutte le infiltrazioni.

Intervento della presidente del PD Lazio Lorenza Bonaccorsi

140918-lorenza-bonaccorsi1-150x150.jpg

Anche Lorenza ha plaudito alla decisione di Matteo Renzi di commissariare il Pd a Roma, “passo fondamentale” per rifondare il partito”. “Il Pd non ha paura di fare chiarezza al proprio interno – ha detto il Presidente del PD Lazio - ed è in prima linea nella lotta contro il malaffare”. Va tuttavia notato, ha rivendicato con forza Lorenza, che “le sconvolgenti notizie che arrivano dall’inchiesta romana riguardano innanzitutto il mondo della destra”. Tuttavia è necessaria una “chiara inversione di rotta nel partito romano”. Anche per il Partito Democratico del Lazio è necessario, da parte di tutti, un cambiamento di mentalità, di approccio, di comportamenti. “Chiedo a tutti noi uno scatto di maturità e di cominciare a lavorare insieme per dare risposte ai cittadini” ha concluso Lorenza.

Intervento di Martina Innocenzi segretario dei Giovani Democratici del Lazio

martina-innocenzi-2.png

 Martina ha svolto un appassionato intervento invitando tutti, anche a fronte delle vicende emerse dalle indagini della Magistratura, ad abbandonare le logiche di corrente e di impegnarsi per lavorare alla soluzione dei problemi concreti della Regione. “La mia corrente è il PD” ha dichiarato Martina che ha anche ricordato Factory 365 l’evento organizzato dai Giovani Democratici per coltivare e rilanciare il pluralismo nel confronto e non nello scontro. Martina che si è detta contraria all’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti per motivi di trasparenza e di pari opportunità ha poi inviato tutti a “ragionare sulla forma partito”. Infine il segretario del GD del Lazio ha letto e consegnato alla presidente Bonaccorsi un “Ordine del Giorno” su tema (qui in pdf, qui sul sito dei Giovani Democratici del Lazio) di seguito riportato integralmente.

Ordine del giorno dei Giovani Democratici del Lazio

Alla luce delle vicende dell’ultima settimana che hanno evidenziato un sistema mafioso all’interno del quale politica e malaffare si incrociano, convivono e si tutelano, è necessario ricostruire nella società i valori fondanti di un regime democratico; non basta il lavoro, seppur prezioso, della Magistratura, le indagini e gli arresti, occorre una presa di coscienza della Politica tutta e del Partito Democratico in particolare; noi prima di tutti abbiamo il dovere morale di costruire una società dotata degli strumenti per bloccare ogni tentativo di superare l’ormai inesistente confine tra bene e male. È per queste ragioni che in questa sede chiediamo al PD del Lazio di assumersi le proprie responsabilità cercando di dare risposte al perché troppo spesso la politica diventa complice di tali oscure vicende. I Giovani Democratici del Lazio Impegnano il PD del Lazio e gli organismi di garanzia ad applicare tutte le norme previste dal codice etico del Partito Democratico relative alle “condizioni ostative alla candidature e obbligo di dimissioni”; a vigilare, come già annunciato dal Presidente nazionale, Commissario del PD Roma, Matteo Orfini, sullo svolgimento del tesseramento anche nelle altre Federazioni del Lazio, applicando sanzioni disciplinari adeguate ma immediate per ogni tipo di anomalia riscontrata.

Intervento di Marco Guglielmo

marcoguglielmo1.jpg

 Marco primo firmatario della mozione di sfiducia al segretario regionale ha ribadito i motivi di critica all’attuale segreteria che si regge su equilibri instabili e non sulla condivisione di un programma comune. In riferimento alle indagini della magistratura Marco ha sottolineato con rammarico che il partito ha dovuto aspettare i provvedimenti dei giudici per rendersi conto delle infiltrazioni al suo interno nonostante i continui allarmi lanciati da numerosi esponenti. Individuare i “falsi circoli” va bene, ha detto Marco, ma occorre anche individuare e sanzionare chi ha permesso queste degenerazioni. Concludendo il suo intervento Guglielmo ha ribadito la sua sfiducia politica nei confronti del segretario regionale e ha auspicato il commissariamento anche del partito del Lazio.

Intervento di Matteo Orfini

matteo-orfini.jpg

Matteo Orfini, presidente del PD nazionale e commissario del PD Roma, ha esordito commentando positivamente la decadenza della mozione di sfiducia nei confronti di Fabio Melilli. Matteo ha poi ribadito con fermezza che la sua opera di rinnovamento e trasparenza in qualità di commissario del PD Roma andrà avanti “ascoltando tutti i suggerimenti” ma decidendo in piena autonomia e utilizzando i pieni poteri concessi dal segretario nazionale. Orfini ha poi annunciato di aver chiesto a Fabrizio Barca di aiutarlo nell’opera di ricognizione dei Circoli del PD di Roma e di formulazione di proposte operative per eliminare e prevenire degenerazioni. Orfini ha anche ricordato che nel PD nazionale si sta lavorando per “ridefinire” la forma organizzativa del partito e che si vuole giungere alla formulazione delle prime proposte entro la prima metà del 2015. Roma sarà quindi “il primo laboratorio sperimentale” di quanto si farà a livello nazionale ha concluso Matteo.

Allegati

  • Ordine del giorno dei Giovani Democratici del Lazio (online e pdf)

Articoli collegati (su sito PdLazio.it)

Pagine

Subscribe to democratici-digitali RSS