Il Congresso del PD Roma, spiegato bene (30 giugno 2017)

170630-congresso-pd-roma.jpg
Si è appena concluso il congresso del Partito Democratico di Roma. Perché si è votato? Chi ha vinto? Che succede ora?

Perché si è votato?

Nel dicembre 2014 - dopo lo scandalo di Mafia Capitale che coinvolge anche una parte del PD Roma - Matteo Renzi nomina Matteo Orfini, presidente nazionale del Partito Democratico, commissario del PD Roma.
Dopo 2 anni e mezzo di commissariamento, nel maggio 2017, Orfini indice il Congresso del PD Roma per eleggere i nuovi organismi del partito.

I candidati

Ci si aspettava un candidato “unitario” alla segreteria del PD Roma ma le discussioni tra le varie anime del partito capitolino durano a lungo senza riuscire a individuare una figura che accontenti tutti.
Alla fine i candidati alla segreteria del PD Roma sono 4:

  • Livio Ricciardelli (programma – pdf)
  • Andrea Casu (programma – pdf)
  • Valeria Baglio (programma – pdf)
  • Andrea Santoro (programma – pdf)

170630-4-candidati-congresso-pd-roma2.jpg

Come si vota?

Ciascun candidato è sostenuto da una omonima lista ad eccezione di Andrea Casu che è sostenuto da 2 liste: Avanti Insieme (che raggruppa gli iscritti vicini a Dario Franceschini) e Eccoci (che raggruppa gli iscritti vicini a Matteo Orfini).
Il Congresso si svolge su base municipale: in date diverse in ognuno dei 15 Municipi in cui è divisa la Capitale si svolge il congresso degli iscritti in quel territorio.
Si comincia il 21 giugno 2007 con il III municipio – Nomentano e si finisce il 28 giugno con il X Municipio – Ostia.
Votano solo gli iscritti al Partito Democratico.
Ciascun iscritto riceve 2 schede: una azzurra per eleggere l’Assemblea Federale del PD Roma ed una rosa per eleggere il Direttivo del proprio PD Municipale.
L’Assemblea federale – già convocata per l’8 luglio 2017 - a sua volta dovrà eleggere il segretario romano.
I Direttivi dei 15 PD municipali eleggeranno ciascuno il proprio segretario municipale.

Quanti hanno votato?

Hanno votato 6.445 elettori, pari al 58,13% degli iscritti al Partito Democratico di Roma.

Chi ha vinto?

I risultati sono i seguenti

Lista    Percentuale

  • Ricciardelli    6,1 %
  • Casu - Avanti Insieme    30,9 %
  • Casu - Eccoci     23,7 %
  • Baglio     15,8 %
  • Santoro   23,7%

Andrea Casu è sostenuto da “Avanti insieme” e “Eccoci” e pertanto il suo totale è 54,6 %

Open data dei risultati del Congresso 2017 del PD Roma – Voti per assemblea federale in ogni municipio

Attenzione: si tratta di dati non ufficiali basati sulle rilevazione dei rappresentanti di lista durante il congresso. I dati ufficiali saranno pubblicati a cura del PD Roma
I dati comprendono solo i voti espressi nei congressi dei 15 Circoli territoriali del PD Roma – non sono riportati (al momento) i voti riportati nel circoli tematici e del lavoro (questo spiega alcune differenze rispetti ai totali per lista indicati precedentemente) *** appena disponibili i dati ufficiali aggiorneremo  - se necessario - questi dataset

Gli open data sono disponibili in 3 formati:

  • xls – Microsoft Excel – tutti valori numerici, nessun valore calcolato
  • csv - formato testo con delimitatore ;
  • txt – formato testo a lunghezza fissa

170701-congresso-pd-roma-dati-federale-municipi2.jpg
(clicca sull'immagine per ingrandire)

Cosa succede adesso?

Il regolamento congressuale (pdf) prevede che – terminati i Congressi e dopo un’operazione di “riequilibrio” tra voti conseguiti e delegati eletti (vedi art.7 del Regolamento) - la Commissione federale per il Congresso proclami i componenti eletti in Assemblea e provveda alla convocazione della prima riunione dell’Assemblea (che lo stesso Regolamento – articolo 1 - indica nella data dell’8 luglio 2017).
Durante la prima seduta dell’Assemblea federale, qualora sia stata eletta una maggioranza assoluta di componenti l’Assemblea a sostegno di un candidato Segretario, la Commissione federale per il Congresso lo proclama eletto.

Andrea Casu ha – sulla carta - oltre il 50% dei delegati all’Assemblea e quindi sarà proclamato nuovo segretario del PD Roma.

In ogni caso il Regolamento prevede che se nessun candidato ottiene la maggioranza sia indetto - sempre nella prima seduta dell’Assemblea – “un ballottaggio a scrutinio segreto tra i due candidati collegati alle liste che hanno ottenuto il maggior numero di componenti l’Assemblea eletti, e proclama eletto Segretario il candidato che ha ricevuto il maggior numero di voti validamente espressi”.

Nella stessa seduta – dopo l’elezione del Segretario - l’Assemblea federale elegge il proprio Presidente ed il Tesoriere.
Infine il Presidente dell’Assemblea propone e mette ai voti un Ufficio di Presidenza composto da un minimo di 3 ad un massimo di 7 membri. L’Ufficio di Presidenza risulta eletto se ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi.

Link utili

La pagina del PD Roma sul congresso cittadino 2017:

Rassegna stampa

Congresso PD Roma 2017 - leggi anche

PD Roma - leggi anche