Livio Ricciardelli

Livio Ricciardelli: Transit, partecipiamo al futuro del Trasporto Pubblico Locale - 19 luglio 2017 a Trastevere

170714-progetto-transit-pd-roma.jpg

Parte oggi il Progetto Transit. Il nuovo modo per una partecipazione condivisa sul futuro del Trasporto pubblico locale. A Roma e nel PD.

In questi giorni il Comune di Roma Capitale sta iniziando l’iter - della durata di un anno - per la stesura del PUMS, uno strumento di attuazione estremamente importante che fornirà la programmazione infrastrutturale da qui a 15-20 anni e che rischia però di essere fallimentare considerate le opere “invarianti” proposte dalla giunta Raggi legate ad una visione del concetto di “sostenibilità” estremamente falsato.
Per ovviare a questo, quindi, occorre una forte opposizione in consiglio comunale e nei municipi.
Che linea ha però il Partito Democratico romano su questa importante scadenza del PUMS?
C’è un'alternativa al non risolutivo referendum sulla privatizzazione del servizio proposto da alcune formazioni politiche?
Come militanti e dirigenti è giunto il momento di parlare di questo tema nei nostri circoli.
Per raccogliere proposte e problematiche per ogni quadrante e ogni quartiere.
Per avere una linea come Partito.
Partiamo da qui.

Vi aspetto al primo appuntamento mercoledì 19 luglio 2017 presso la sezione Trastevere del PD I Municipio di Roma, in Vicolo di Santa Cecilia alle ore 18:30.
Sempre con #EnergieAlternative #SenzaCorrente

Per approfondire il PUMS

Chi è Livio Ricciardelli?

170714-livio-ricciardelli.jpg
Livio è consigliere del Partito Democratico nel I Municipio di Roma.
Qui il suo curriculum completo

Contatti

Licio Ricciardelli - leggi anche

PD Roma - leggi anche

Resoconto assemblea PD Roma 10 luglio 2017

170710-pd-roma-andrea-casu.jpg

L’assemblea convocata per l’elezione del nuovo segretario del PD Roma comincia con 2 ore di ritardo. I delegati delle liste che hanno appoggiato Casu e Baglio eleggono Sibi Mani il nuovo presidente del Partito democratico romano. Direzione ampliata da 40 a 70 membri. Rinviata la nomina del Tesoriere.

(Questo articolo è stato aggiornato il 12 luglio perché nella prima versione si era erroneamente scritto che Valeria Baglio aveva accettato di entrare nella Segreteria di Casu mentre in realtà i delegati di Baglio hanno votato il presidente Sibi Mani proposto da Casu ma senza entrare in "maggioranza")

Intervento di Matteo Orfini

(l'intervento di Orfini è disponibile su Facebook in video)

Matteo Orfini (Facebook, Twitter, web) ha ripercorso i 950 giorni del suo commissariamento del PD Roma ribadendo di aver trovato nel dicembre 2014 un “partito chiuso, infeudato, non trasparente” del tutto assente nel “tessuto vivo della città”.
A chi obietta che con tutti i suoi limiti era però “un partito che però vinceva le elezioni” il presidente del PD ha ricordato che la politica non è solo potere ma anche passione disinteressata.
Dal punto di vista economico ha sottolineato Orfini “abbiamo trovato un partito tecnicamente fallito” che spendeva ogni anno più di quello che incassava, con oltre 440 mila euro di debiti pregressi con Ater per gli affitti delle sedi dei Circoli, privo di bilancio per gli anni 2013 e 2014.
Orfini ha proiettato 2 slide per illustrare il “conto economico del Partito Democratico di Roma” nel periodo 2009 – 2017.

170710-pd-roma-conto-economico-2009-2010-bis.jpg

(clicca sull’immagine per ingrandire)

I dati mostrano che i costi sono sempre stati superiori ai ricavi fino al 2016 quando finalmente c’è stato un cambio di tendenza.
Oggi, terminato il commissariamento, grazie alle azioni intraprese il PD Roma “non è più un problema per il PD nazionale” ed anzi è un esempio virtuoso grazie anche ad iniziative innovative come le “magliette gialle”.

Orfini ha infine annunciato di aver preparato una “Relazione” sui 950 giorni del suo commissariamento che consegnerà al Commissione nazionale di garanzia perché valuti se renderla pubblica.

Proclamazione del nuovo segretario: Andrea Casu

Dopo l’intervento di Orfini, Andrea Casu (twitter, facebook, web) è stato proclamato segretario del PD Roma sulla base dei risultati del Congresso 2017.

Intervento di Andrea Casu

(L’intervento integrale di Andrea disponibile su Facebook)

Andrea Casu ha iniziato citando Winston Churchill: “Se il presente cerca di giudicare il passato, perderà il futuro”.
Dopo aver ringraziato tutti gli iscritti e gli altri candidati alla segreteria Andrea ha annunciato che entro i primi 100 giorni del suo mandato avrà luogo una Conferenza organizzativa per decidere insieme “chi fa cosa nel PD Roma” anche con l’adozione di strumenti innovativi quali i referendum tra gli iscritti.
Casu ha confermato che lavorerà subito anche all’organizzazione della Festa dell’Unità cittadina che si terrà ad inizio settembre.
Rivolgendosi poi agli altri candidati alla segretaria, Andrea Casu ha inviato tutti ad entrare nella nuova segreteria del PD Roma per una gestione collegiale del partito ricordando – tra l’altro – che in autunno si voterà nel Municipio X – Ostia – e nel Municipio VIII – Garbatella.
Infine Andrea ha annunciato che:

  • l’esperienza dei Forum inaugurata dal commissario Orfini continuerà auspicando che i Forum lavorino in modo coordinato con la nuova Direzione;
  • sarà costituito un coordinamento permanente fra PD Roma ed eletti del partito in tutte le amministrazioni – Municipi, Comune, Parlamento ed Europa.

Altri interventi

Sono intervenuti nell’ordine Livio Ricciardelli, Valeria Baglio e Andrea Santoro, gli altri tre candidati al congresso romano: tutti hanno ringraziato gli iscritti ed augurato buon lavoro al nuovo segretario. Valeria Baglio ha annunciato il voto a favore della candidatura di Sibi Mani proposta dalle liste Casu per "senso di responsabilità" ma senza entrare  nella Segreteria di Andrea Casu (la posizione di Valeria Baglio è espressa in dettaglio in questo post su FB).

Elezione del Presidente del PD Roma Sibi Mani

L’elezione del Presidente dell’Assemblea federale del PD Roma è stata preceduta da polemiche per la decisione – presa a maggioranza – da parte dei componenti della Commissione congressuale di far votare a scrutinio palese il nuovo presidente o in alternativa di raccogliere 84 firme di delegati per far votare a scrutinio segreto.
Le firme raccolte per chiedere il voto segreto sono state 75 e dunque si è votato con voto palese.
A seguito della decisione sul voto palese Maria Teresa di Sarcina - candidata della lista Santoro – si è ritirata e i delegati della lista Santoro e della Lista Ricciardelli non hanno partecipato al voto e abbandonato la sala.
È pertanto risultato eletto – 130 voti a favore, 2 contrari, 1 astenuti - Sibi Mani Kumaramangalam (twitter, facebook)

Intervento di Sibi Mani

170710-pd-roma-sibi-mani.jpg

(L’intervento integrale di Sibi disponibile su Facebook, anche in video)

Sibi ha ricordato di essere un militante del PD da quasi dieci anni e che da quasi altrettanti “mi batto non per l’integrazione, ma per far vedere che l’integrazione è un processo che riguarda le persone, non le idee, le culture o le civiltà”.
“Sono stato scelto” ha detto Sibi “perché simboleggio un scelta: l’aspirazione all’integrazione, il rifiuto del razzismo e della paura. Ebbene, io abbraccio questo mio ruolo di simbolo, mi faccio stendardo, e non provo altro che convinzione e orgoglio nel farmi strumento.
Ho scelto di vivere qui, qui ho aperto un’attività, qui ho contribuito al flusso delle merci comprate e vendute, qui ho fatto attività politica, qui sono nati i miei figli.
Qui ho messo radici: le famose radici di cui tanto si parla, perché gli uomini, come le piante, è vero, mettono radici.
Come me, immigrati, ce ne sono a Roma 400mila.
La mia missione, per il partito democratico, è coinvolgerli come il partito ha coinvolto me. Che partecipino, che entrino nelle associazioni, che vengano considerati quello che sono: persone normali con una vita normale”.

Elezione Direzione

È stata eletta la nuova Direzione del PD Roma ampliando i membri da 40 a 70.

Elezione Ufficio di Presidenza

È stato eletto l'Ufficio di Presidenza.

Tesoriere

Non è stato eletto il Tesoriere

Ordini del giorno

Sono stati presentati numerosi "Ordini del giorno" che non sono stati votati per mancanza di tempo.

Rassegna stampa

Congresso PD Roma 2017 - leggi anche

170630-congresso-pd-roma.jpg

PD Roma - leggi anche

Il Congresso del PD Roma, spiegato bene (30 giugno 2017)

170630-congresso-pd-roma.jpg
Si è appena concluso il congresso del Partito Democratico di Roma. Perché si è votato? Chi ha vinto? Che succede ora?

Perché si è votato?

Nel dicembre 2014 - dopo lo scandalo di Mafia Capitale che coinvolge anche una parte del PD Roma - Matteo Renzi nomina Matteo Orfini, presidente nazionale del Partito Democratico, commissario del PD Roma.
Dopo 2 anni e mezzo di commissariamento, nel maggio 2017, Orfini indice il Congresso del PD Roma per eleggere i nuovi organismi del partito.

I candidati

Ci si aspettava un candidato “unitario” alla segreteria del PD Roma ma le discussioni tra le varie anime del partito capitolino durano a lungo senza riuscire a individuare una figura che accontenti tutti.
Alla fine i candidati alla segreteria del PD Roma sono 4:

  • Livio Ricciardelli (programma – pdf)
  • Andrea Casu (programma – pdf)
  • Valeria Baglio (programma – pdf)
  • Andrea Santoro (programma – pdf)

170630-4-candidati-congresso-pd-roma2.jpg

Come si vota?

Ciascun candidato è sostenuto da una omonima lista ad eccezione di Andrea Casu che è sostenuto da 2 liste: Avanti Insieme (che raggruppa gli iscritti vicini a Dario Franceschini) e Eccoci (che raggruppa gli iscritti vicini a Matteo Orfini).
Il Congresso si svolge su base municipale: in date diverse in ognuno dei 15 Municipi in cui è divisa la Capitale si svolge il congresso degli iscritti in quel territorio.
Si comincia il 21 giugno 2007 con il III municipio – Nomentano e si finisce il 28 giugno con il X Municipio – Ostia.
Votano solo gli iscritti al Partito Democratico.
Ciascun iscritto riceve 2 schede: una azzurra per eleggere l’Assemblea Federale del PD Roma ed una rosa per eleggere il Direttivo del proprio PD Municipale.
L’Assemblea federale – già convocata per l’8 luglio 2017 - a sua volta dovrà eleggere il segretario romano.
I Direttivi dei 15 PD municipali eleggeranno ciascuno il proprio segretario municipale.

Quanti hanno votato?

Hanno votato 6.445 elettori, pari al 58,13% degli iscritti al Partito Democratico di Roma.

Chi ha vinto?

I risultati sono i seguenti

Lista    Percentuale

  • Ricciardelli    6,1 %
  • Casu - Avanti Insieme    30,9 %
  • Casu - Eccoci     23,7 %
  • Baglio     15,8 %
  • Santoro   23,7%

Andrea Casu è sostenuto da “Avanti insieme” e “Eccoci” e pertanto il suo totale è 54,6 %

Open data dei risultati del Congresso 2017 del PD Roma – Voti per assemblea federale in ogni municipio

Attenzione: si tratta di dati non ufficiali basati sulle rilevazione dei rappresentanti di lista durante il congresso. I dati ufficiali saranno pubblicati a cura del PD Roma
I dati comprendono solo i voti espressi nei congressi dei 15 Circoli territoriali del PD Roma – non sono riportati (al momento) i voti riportati nel circoli tematici e del lavoro (questo spiega alcune differenze rispetti ai totali per lista indicati precedentemente) *** appena disponibili i dati ufficiali aggiorneremo  - se necessario - questi dataset

Gli open data sono disponibili in 3 formati:

  • xls – Microsoft Excel – tutti valori numerici, nessun valore calcolato
  • csv - formato testo con delimitatore ;
  • txt – formato testo a lunghezza fissa

170701-congresso-pd-roma-dati-federale-municipi2.jpg
(clicca sull'immagine per ingrandire)

Cosa succede adesso?

Il regolamento congressuale (pdf) prevede che – terminati i Congressi e dopo un’operazione di “riequilibrio” tra voti conseguiti e delegati eletti (vedi art.7 del Regolamento) - la Commissione federale per il Congresso proclami i componenti eletti in Assemblea e provveda alla convocazione della prima riunione dell’Assemblea (che lo stesso Regolamento – articolo 1 - indica nella data dell’8 luglio 2017).
Durante la prima seduta dell’Assemblea federale, qualora sia stata eletta una maggioranza assoluta di componenti l’Assemblea a sostegno di un candidato Segretario, la Commissione federale per il Congresso lo proclama eletto.

Andrea Casu ha – sulla carta - oltre il 50% dei delegati all’Assemblea e quindi sarà proclamato nuovo segretario del PD Roma.

In ogni caso il Regolamento prevede che se nessun candidato ottiene la maggioranza sia indetto - sempre nella prima seduta dell’Assemblea – “un ballottaggio a scrutinio segreto tra i due candidati collegati alle liste che hanno ottenuto il maggior numero di componenti l’Assemblea eletti, e proclama eletto Segretario il candidato che ha ricevuto il maggior numero di voti validamente espressi”.

Nella stessa seduta – dopo l’elezione del Segretario - l’Assemblea federale elegge il proprio Presidente ed il Tesoriere.
Infine il Presidente dell’Assemblea propone e mette ai voti un Ufficio di Presidenza composto da un minimo di 3 ad un massimo di 7 membri. L’Ufficio di Presidenza risulta eletto se ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi.

Link utili

La pagina del PD Roma sul congresso cittadino 2017:

Rassegna stampa

Congresso PD Roma 2017 - leggi anche

PD Roma - leggi anche

Subscribe to RSS - Livio Ricciardelli