PD Lazio, c’è chi lavora per lo sfascio (16 marzo 2014)

Politica: 

simbolo_pdlazio2

Comincia male l’avventura del nuovo PD Lazio targato “Fabio Melilli”. Ieri 15 marzo 2014 alla prima riunione dei delegati eletti con le primarie del 16 febbraio 2014 la minoranza interna che fa riferimento a Lorenza Bonaccorsi ha di fatto impedito i lavori dell’assemblea e la nomina della Direzione e degli altri organi direttivi e di garanzia. Rissa verbale sulla candidatura di Liliana Mannocchi alla presidenza, ostruzionismo sulle votazione per la Direzione, malore finale di un delegato con conseguente arrivo delle ambulanze e sospensione dei lavori. Un consiglio al neosegretario: vai avanti senza curarti degli “sfascisti”!

Disclaimer: chi scrive è alla sua prima esperienza politica, è stato eletto nell’assemblea del PD Lazio con la mozione Melilli, ha assistito prima incredulo e poi sgomento alla bagarre scoppiata ieri.

Si comincia

L’assemblea inizia con la solita ora di ritardo. I rumors dicono che non c’è accordo sul nome del presidente solitamente assegnato alla minoranza interna.
La presidenza “provvisoria” è affidata a Domenico Girali (Commissione Regionale per il Congresso), l’ordine del giorno prevede:

  • Proclamazione dei risultati delle elezioni per l’elezione dell’Assemblea e del Segretario Regionale del 16 febbraio u.s.
  • Elezione del Presidente dell’Assemblea
  • Proclamazione del Segretario Regionale
  • Elezione del Tesoriere
  • Elezione della Commissione regionale di Garanzia
  • Elezione della Direzione regionale

Proclamazione dei risultati delle elezioni per l’elezione dell’Assemblea e del Segretario Regionale

Come è noto i risultati delle primarie del 16 febbraio 2014 http://www.pdlazio.it/2014/02/i-risultati-ufficiali-delle-primarie-per-l... sono stati netti:

  • Fabio Melilli: 32.015 voti (62,66%)
  • Lorenza Bonaccorsi: 14.325 voti (28,04%)
  • Marco Guglielmo: 4.754 voti (9,30%)

Viene pertanto proclamato nuovo segretario del PD Lazio Fabio Melilli

Intervento di Fabio Melilli

simbolo_pdlazio2

Il primo discorso di Fabio Melilli quale segretario del PD Lazio insiste molto sul rapporto fra partito e cittadini. Occorre ristabilire un clima di fiducia tra eletti e elettori: per conquistare una nuova credibilità il PD deve dimostrare con i fatti di lavorare per il bene del Paese e non per il tornaconto di qualcuno. I Circoli devono aprirsi ai territori e offrire soluzioni concreti ai problemi dei cittadini.
Il Paese attraversa una stagione nuova anche grazie a Matteo Renzi che sta dimostrando a tutti che “il tempo non è una variabile indipendente”. Anche il PD deve fare meno chiacchiere e più fatti concreti; è l’ora non solo di “cambiare verso” ma anche di “scegliere un verso” che non può essere altro che un nuovo riformismo che punti alla modernizzazione del Paese.
“Troveremo molti ostacoli in questo nostro percorso” ha detto Fabio “ma andremo avanti senza curarci di chi ha rendite di posizione e privilegi da difendere”.
A livello regionale il Partito Democratico si concentrerà nell’offrire soluzioni vere e concrete per quanto riguarda la sanità, la mobilità, i rifiuti: questa elaborazione politica deve cominciare in primo luogo nei Circoli ma avrà successo solo “se sapremo trovare una platea più vasta”, aprirci ai cittadini, “colmare finalmente la frattura che storicamente esiste tra militanti e vertici del PD”.

Intervento di Ignazio Marino, sindaco di Roma

marino

Il sindaco ha svolto un rapido intervento illustrando i progetti più rilevanti su cui sta lavorando la giunta e annunciando la costituzione di un “gruppo di lavoro” composto da rappresentanti del suo gabinetto e del PD per affrontare i problemi più urgenti della città.

Intervento di Nicola Zingaretti, governatore del Lazio

140315-nicola-zingaretti-5

Standing ovation non appena il governatore Zingaretti sale sul palco per salutare l’assemblea e il neo segretario del PD Lazio. Anche Nicola parla a lungo della “frattura” tra cittadini e politica rinnovando l’invito a dimostrare con la “buona politica” che il PD è l’unica forza democratica che può tirare fuori il Paese dalla crisi.
Zingaretti ha poi rivendicato i primi risultati della sua amministrazione: conti in ordine, pagamenti dei fornitori, riduzione del debito commerciale, fortissimo impegno per una corretta e trasparente assegnazione dei fondi europei.

Elezione del Presidente dell’assemblea, inizia la bagarre

Si procede con le candidature a presidente dell’assemblea del PD Lazio. Due le candidature:
Liliana Mannocchi appoggiata dalla maggioranza che fa riferimento a Fabio Melilli
Lorenza Bonaccorsi appoggiata delle minoranze (la stessa Bonaccorsi e Marco Guglielmo)
Subito viene presentata una mozione d’ordine da parte del delegato Massimiliano Dolce, lo stesso che nel seguito si sentirà male e pertanto causerà la sospensione dei lavori. Dolce chiede che si verifichi se lo statuto permette di eleggere presidente un candidato che non fa parte dell’assemblea stessa (è il caso di Liliana Mannocchi).
Comincia la rissa verbale. Il tavolo di presidenza viene “invaso” dai contendenti. Il presidente “pro tempore” Domenico Girali perde il controllo della situazione, molti si alzano in piedi.
Alla fine dopo una lunga discussione dai toni molto accesi Fabio Melilli si fa garante di una situazione di compromesso: procedere con la votazione e già dal giorno successivo verificare con il “Nazionale” la correttezza formale della votazione tornando eventualmente a convocare l’assemblea nel caso venissero riscontrate irregolarità.
Si vota con il seguente risultato:

  • Liliana Mannocchi eletta presidente con 85 voti
  • Lorenza Bonaccorsi non eletta con 55 preferenze.

Si tenta di eleggere la Direzione e scoppia il caos

Liliana Mannocchi assume la presidenza e si presenta ai convenuti accolta da fischi e urla della minoranza che tenta di impedirle di parlare.
Mentre la confusione aumenta si tenta di definire le regole per eleggere la Direzione ma di fatto scoppiano alterchi continui che impediscono i lavori.
Ad un certo punto Massimiliano Dolce ha un malore e cade per terra. Vengono chiamate le ambulanze. L’assemblea è sospesa.

Rassegna stampa

Ambiente e territorio: incontro con Estella Marino al circolo PD del Quadraro (14 marzo 2014)

Politica: 

Update: disponibili le slide della presentazione (pdf, 4 M, 13 slide)
140314-locandina-quadraro
Altre foto qui su Facebook

Cittadini, associazioni, comitati di quartiere discutono con gli eletti del PD su ambiente, decoro, parchi

Il 14 marzo 2014 presso il Circolo PD Quadraro, via Arvali 6 a Roma, si è tenuta l’assemblea aperta “Ambiente e territorio” con cittadini, rappresentanti delle associazioni e delle istituzioni locali.

Interventi

Benvenuto a cura di Simona Sabatini segretario circolo Quadraro Quintili e Andrea Occhiello segretario circolo Quadraro Tuscolano

Update: disponibili le slide della presentazione (pdf, 4 M, 13 slide)

Simona ha aperto l’incontro ricordando che l’evento fa parte di una serie di incontri volti a migliorare la comunicazione fra cittadini ed eletti; sono infatti già intervenuti in incontri simili, presso il Circolo Quadraro, Giammarco Palmieri presidente del V Municipio e Stefano Veglianti assessore ai lavori pubblici del V Municipio. A breve sarà organizzato un incontro anche con Massimilano Valeriani vicepresidente del consiglio regionale del Lazio.
Andrea ha rapidamente sintetizzato i principali problemi del quartiere Quadraro, formalmente diviso tra i municipi V e VII: lo stato di abbandono dei parchi, la cementificazione selvaggia, l’attraversamento della nuova linea ferroviaria ad alta velocità, l’inquinamento acustico dovuto all’aeroporto di Ciampino, la crisi di Cinecittà.
Marco e Simona hanno promesso che su ognuno di tali temi il Circolo e il Partito Democratico si attiveranno per l’individuazione di soluzioni condivise con i cittadini.

140314-quadraro-estella-3

Salvatore Salmeri consigliere del V Municipio di Roma

Update: disponibili le slide della presentazione (pdf, 4 M, 13 slide)

Salvatore ha ripercorso le vicende per l’istituzione del parco archeologico di Centocelle, una battaglia politica iniziata nel 1993 e rispetto alla quale il Circolo Quadraro e il PD sono sempre stati in prima fila.
Proprio in questi giorni, ha ricordato Salvatore, “è stata approvata in consiglio comunale la risoluzione di cui sono primo firmatario” che impegna sindaco e giunta di Roma Capitale a “delocalizzare” dal perimetro del parco le attività di tre autodemolitori che ancorano risiedono nel versante di via di Centocelle in quanto tali attività sono incompatibili con le norme derivanti dal vincolo ambientale e paesaggistico cui il parco è sottoposto.
Il consigliere Salmeri ha poi proiettato una serie di “slide” per illustrare gli altri aspetti critici del parco rispetto ai quali è necessario un intervento urgente del Comune soffermandosi in particolare sul problema del “canalone” che attraversa il parco e che è una discarica a cielo aperto.
In conclusione del suo intervento Simone ha auspicato che un giorno i 2 parchi più importanti che circondano il Quadraro, il “parco degli acquedotti” sul versante del VII Municipio e il “parco archeologico di Centocelle” sul versante del V Municipio, possano essere collegati attraverso piste ciclabili.

Laura Coccia deputato del Partito Democratico

Laura, che risiede al Quadraro, ha svolto un appassionato intervento in difesa dei parchi di Roma, un bene comune che le altre città europee sanno valorizzare e difendere e che invece nella nostra città spesso sono abbandonati.
Laura ha ricordato che il “parco degli acquedotti” è una delle arre verdi più suggestive della Capitale tanto da essere stata immortalata nel film “La grande bellezza”; purtroppo, ha ricordato Laura, i parchi delle periferie sono oggettivamente svantaggiati dal punto di vista dei finanziamenti e della manutenzione rispetto alle aree centrali mentre se ben curati e pubblicizzati potrebbero attrarre anch’essi turisti. È necessario ribaltare questa impostazione, ha concluso l’onorevole Coccia, che ha proposto a riguardo di dare visibilità alle periferie anche sfruttando eventi sportivi di grande risalto mediatico come la “maratona di Roma” che il prossimo anno potrebbe concludersi proprio in uno dei parchi del Quadraro.

Interventi dei cittadini e delle associazioni

Al dibattito sono intervenuti numerosi cittadini, anche a nome di associazioni e comitati di quartiere, ciascuno segnalando un problema o proponendo soluzioni.
Tra le associazione sono intervenute:

Giammarco Palmieri Presidente del V Municipio di Roma

Giammarco ha illustrato le attività del Municipio a favore dei parchi e del decoro del territorio spiegando anche che le difficoltà dell’amministrazione sono causate principalmente dalla mancanza di fondi. Il Presidente Palmieri ha anche lanciato la proposta di affidare ai municipi la gestione ed il controllo delle attività di pulitura e gestione delle strade e delle aree verdi locali.

Estella Marino assessore all’Ambiente, Agroalimentare e Rifiuti di Roma Capitale

Estella ha svolto una particolareggiata esposizione della politica del suo assessorato, delle attività svolte e dei piani per il futuro.

Una situazione disastrosa

Occorre partire dalla premessa, ha ricordato Estella, che la nuova giunta Marino, insediatesi nel giugno 2014, si è trovata subito di fronte ad un clamoroso buco di 800 milioni relativo al bilancio 2013 non ancora approvato.
Le municipalizzate, in primis l’AMA, erano in una situazione “disastrosa” e le sperimentazioni sulla raccolta differenziata in alcune municipi si erano rivelate fallimentari a causa di una gestione improvvisata dei relativi progetti.
“Come Assessorato all’Ambiente, Agroalimentare e Rifiuti abbiamo dovuto affrontare le moltissime emergenze lasciate aperte, in un quadro desolante e con condizioni economiche disastrose. Ora vogliamo guardare avanti, vogliamo riattivare il futuro.” ha chiosato Estella.

Da dove siamo partiti

Il buco di bilancio della precedente amministrazione ha significato, in particolare per l’Assessorato all’Ambiente, avere capitoli di bilancio completamente vuoti, con l’impossibilità di rinnovare, ad esempio, alcuni contratti e affidamenti scaduti nei mesi di luglio e agosto legati alla manutenzione del verde e della tutela del benessere degli animali.
L’Assessorato è comunque riuscito a:

  • consentire la manutenzione e la pulizia del verde nelle scuole per assicurare il regolare avvio dell’anno scolastico;
  • reperire i fondi per garantire il servizio base di tutela del benessere degli animali (in particolare quelli presenti nei canili e gattili comunali) tenendo conto anche dell’esigenza di salvaguardia dei lavoratori;
  • reperire i fondi necessari per la gestione essenziale delle strutture e degli animali presenti nel Bio-Parco di Roma.

La chiusura di Malagrotta: un fatto storico

Estella Marino ha ricordato con orgoglio che la chiusura della discarica di Malagrotta, senza più proroghe e rinvii, è stato un fatto storico portato a compimento nonostante i ricatti subiti anche da parte di poteri forti.
“La chiusura di Malagrotta rappresenta la fine di un monopolio di fatto in un settore industriale di rilievo come è quello oggi dei rifiuti” ha ricordato Estella.

Riorganizzazione dell’AMA

Dopo Malagrotta la seconda grande sfida in questo ambito è stata la riorganizzare dell’AMA, non solo attraverso la scelta del nuovo gruppo dirigente, ma anche attraverso una riorganizzazione territoriale e del servizio e l’inaugurazione di una nuovo politica della trasparenza che prevede la pubblicazione dei compensi e dei curricula di tutti i dirigenti.

Riattiviamo il futuro

La vera sfida sarà, ha ricordato Estella Marino, “riprendere una pianificazione e programmazione di lungo respiro per la tutela, la promozione e la gestione delle tematiche ambientali” e cioè avverrà grazie all’approvazione del Bilancio previsionale 2014 nonostante le ristrettezze prevedibili). Una grande opportunità sarà offerta dalla Programmazione dei Fondi Europei per il periodo 2014 – 2020; per non perderli e sfruttarli al meglio, tuttavia occorre recuperare capacità progettuale e propensione allo sviluppo coinvolgendo cittadini e associazione.

Raccolta differenziata nei Municipi

Estella Marino ha chiaramente espresso la sua convinzione che la precedente sperimentazione della giunta Alemanno sulla raccolta differenziata si è rivelato un vero e proprio fiasco in quanto cittadini e giunte municipali non sono stati minimanente coinvolti.
Adesso la giunta Marino ha realizzato un nuovo “piano per la raccolta differenziata” articolato nel triennio 2013, 2014 e 2015 che prevede l’estensione delle raccolta porta a porta a 5 nuove Municipi ogni anno. Il V e VII Municipio passeranno al “porta a porta” solo nel 2015 in quanto i nuovi municipi frutti di accorpamento di precedenti realtà territoriali saranno gli ultimi ad adottare le nuove modalità di riciclo.
Rispetto alal “sperimentazione Alemanno” il nuovo piano prevede uno stretto coinvolgimento del Municipi che condivideranno la “road map” del Comune e così le associazioni, i comitati di quartiere e tutti gli stakeholder.

I punti verdi di qualità

L’assessore Marino ha anche spiegato le difficoltà dell’amministrazione capitolina in relazione ai circa 160 punti verdi di qualità cioè a spazi ludico-sportivi per le periferie che sono al momento bloccati a causa delle inchieste della magistratura e dell’arresto di alcuni impiegati comunali.

Slide

  • Le slide della presentazione (pdf, 4 M, 13 slide)

Articoli collegati

Link

Nuovo sito web del PD Roma (14 marzo 2014)

Politica: 

140113-pd-quadraro

Nasce il nuovo sito del Partito Democratico di Roma. Sarà lo strumento col quale il PD Roma parlerà quotidianamente con iscritti e sostenitori, esprimerà posizioni, informazioni, presenterà proposte, le proprie scelte

Fonte:  PdRoma
Il PD Roma sta riorganizzando il settore comunicazione. Pensiamo che sia  importante investire sulla comunicazione, rinnovare i mezzi e il modo con cui il PD Roma comunica con gli iscritti e i simpatizzanti, migliorare il modo in cui può dare voce ai circoli.
Vogliamo che la  federazione romana sia prima di tutto il luogo dell’informazione, del confronto di proposte, del dibattito.
Per questo abbiamo deciso di investire molte energie far ripartire la nostra comunicazione.
 
Abbiamo costruito un nuovo sito: www.pdroma.it, totalmente rinnovato rispetto al passato. Sarà lo strumento col quale il PD Roma parlerà quotidianamente con iscritti e sostenitori, esprimerà posizioni, informazioni, presenterà proposte, le proprie scelte.
 
Servirà per:

  1. dare informazioni aggiornate sull’attività del PD Roma (del segretario, dei circoli, degli eletti PD ai Municipi e al Comune);
  2. realizzare la rete dei circoli ospitando i siti dei circoli romani. I circoli che non hanno ancora un sito avranno l’opportunità di costruirne uno molto facilmente (prepareremo anche una maschera grafica). I circoli che hanno già un sito potranno entrare nella rete senza cambiare niente del loro sito attuale e attraverso il semplice reindirizzamento. La rete permetterà di comunicare le iniziative, le attività, le proposte etc. provenienti dai circoli, aggiornando in tempo reale il calendario delle iniziative.

Ora chiediamo ai Segretari di indicarci al più presto il nome del responsabile della comunicazione del loro circolo, che sarà il nostro contatto.
Entro questa settimana, i Segretari di circolo e/o loro delegati per la comunicazione saranno invitati in Federazione per conoscere il nuovo sito, le sue potenzialità, il modo di usarlo.

  • Per inviare i nomi dei responsabili della comunicazione dei Circoli PD:  info@pdroma.net

Articoli collegati

La segreteria del PD Roma

(Abbiamo chiesto a tutti i componenti della segreteria di autorizzarci a pubblicare la loro email per "facilitare" la comunicazione tra iscritti, elettori, cittadini e Partito: di seguito le email di chi ci ha risposto ndr)





Nome

Cognome

Ruolo

Email

Lionello

Cosentino

Segretario

segretario@pdroma.net

Luciano

Nobili

Vicesegretario


l.nobili@partitodemocratico.it.

Marco

Tolli

Coordinatore della Segreteria

marco.tolli@alice.it

Giulio

Pelonzi

Organizzazione

organizzazione@pdroma.net

Ilaria

Feliciangeli

Riforme istituzionali, Capitale metropolitana


ilariafeliciangeli@hotmail.com

Khalid

Chaouki

Integrazione


chaouki_k@camera.it 

Marco

Causi

Economia


marco.causi@marcocausi.it

Giulia

Urso

Cultura

giuliaurso@pdroma.net

Cecilia

Fannunza

Scuola


fannunza81@virgilio.it

Lucia

Zabatta

Lavoro

lucia.zabatta@tiscali.it

Raffaella

Petrilli

Sapere, Università, Ricerca

raffaella.petrilli@gmail.com

Membro di Diritto:

Invitati permanenti:

  • Tommaso Giuntella, Presidente dell’Assemblea
  • Francesco D’Ausilio, Capogruppo PD Assemblea Capitolina, email: francesco.dausilio@comune.roma.it
  • Carlo Cotticelli, Tesoriere, email: carlo.cotticelli@gmail.com
  • Alberto Tanzilli, Presidente della Commissione di Garanzia
  • Francesco Proni, Coordinatore circoli del lavoro

 

Circolo PD Centocelle – Abeti di Roma: workshop su metro C, 13 marzo 2014

Politica: 

140311-pd-centocelle-metro-c-3

C’è un PD nuovo in città! Assemblea di cittadini, iscritti ed eletti su MetroC al circolo #Centocelle 13 marzo 2014

Giovedì 13 marzo 2014, presso il circolo PD Centocelle, via degli Abeti 12/14, Roma (mappa) avrà luogo il primo workshop sulla “metro C”.

Partecipano

  • I cittadini ed i commercianti
  • 140311-giammarco-palmieri Giammarco PALMIERI - Presidente Municipio Roma V
  • 140311-stefano-vaglianti Stefano VEGLIANTI, Assessore Lavori Pubblici e Patrimonio Municipio Roma V
  • 140311-maura-losta-2 Maura LOSTIA, Presidente V Commissione Lavori Pubblici e Mobilità Municipio Roma V
  • 140311-angelo-callocchia-4 Angelo CALLOCCHIA, Capogruppo del Partito Democratico Municipio Roma V
  • 140311-antonio-pietrosanti Antonio PIETROSANTI, PRESIDENTE CONSIGLIO Municipio Roma V
  • coordinerà l'incontro il coordinatore del gruppo di lavoro "Metro C" PD Centocelle Alfonso TESORO

Contatti

Circolo PD Ponte Milvio: festa con i cittadini e lancio iniziativa “Dillo a Noi” (7 marzo 2014)

Politica: 

140307-dillo-a-noi
“Dillo a Noi” il punto di ascolto del Circolo PD Ponte Milvio di Roma per dare voce ai cittadini e metterli in comunicazione con gli eletti e le istituzioni

Agatino Grillo: Ciao Italo. Presentati in due battute

Italo Pesce Delfino: Ciao, sono un antropologo visivo fan del digitale, che lavora nel campo cinetelevisivo… Il PD è l’unico partito al quale mi sono iscritto in vita mia.

Agatino Grillo: Sabato 8 marzo 2014 il Circolo PD di Ponte Milvio  a Roma scende in piazza per presentare l’iniziativa per “Dillo a Noi”. Di che si tratta?

Italo Pesce Delfino: L’8 Marzo è la Festa delle donne… è solo una coincidenza dato che l’iniziativa “Dillo a Noi” avrebbe dovuto aver luogo la settimana precedente ma causa maltempo abbiamo dovuto rinviare. “Dillo a Noi” ha come scopo fondamentale rinnovare il rapporto tra cittadini ed eletti, in particolar modo nel XV° Municipio. A giugno 2013 infatti, dopo tempo immemorabile, il PD ha vinto le municipali anche nella nostra circoscrizione e non vogliamo perdere  questa occasione: “Dillo a Noi” intende dare voce ai cittadini e riallacciare il rapporto con la politica e gli eletti anche e soprattutto a livello territoriale.

Agatino Grillo: Un punto di ascolto sui problemi della zona?

Italo Pesce Delfino: Esattamente. Raccogliamo e classifichiamo le segnalazioni, le lamentele, tutte quelle “osservazioni” che scaturiscono da quello che una volta si chiamava il senso civico, da quella sana sensibilità sul sociale che è poi la linfa vitale dell’impegno politico. Sappiamo bene che troppo spesso i cittadini si sentono disperatamente soli di fronte alle istituzioni. Abbiamo deciso, quindi, di creare un appuntamento settimanale tutti i venerdì dalle 18 alle 20, orario nel quale il Circolo è dedicato a questa iniziativa. Una sorta di “sportello” fisso e costante, raggiungibile anche telefonicamente ( 06 333 6765) e via mail (dilloanoi.pdpontemilvio@gmail.com) dove il confronto e la discussione spesso spaziano anche a 360 gradi su tutte le questioni del momento, dal micro al macro… Un’occasione anche per conoscere ed allargarsi a comitati di quartiere, associazioni, gruppi di volontariato, ecc. Il tutto poi vive il suo momento più qualificante negli incontri aperti con i rappresentanti del Partito Democratico che siedono nel Municipio. Certo non possiamo garantire soluzioni a tutte le problematiche sollevate; spesso infatti le competenze esulano dalla giurisdizione della singola circoscrizione, ma quello che ci sembra di primaria importanza è far tornare la fiducia nella possibilità di cambiare le cose e risolvere i problemi. Occorre rimettere al centro dell’azione politica i cittadini con le loro esigenze e sensibilità, ed il PD deve essere il riferimento di tutto questo.

Agatino Grillo: L’iniziativa ha avuto successo finora?

Italo Pesce Delfino: Direi assolutamente di sì. Siamo partiti ad inizio 2014 con il nuovo anno e in otto venerdì abbiamo raccolto circa 25 segnalazioni circostanziate, 12 delle quali già sottoposte all’attenzione del nostro Presidente Torquati e di numerosi assessori e consiglieri in un incontro svoltosi ai primi di febbraio (foto) .

Agatino Grillo: Grazie Italo, ci vediamo sabato allora…

Italo Pesce Delfino: Vi aspettiamo numerosi per sostenerci… Sabato 8 marzo è la prima uscita diciamo così “in esterno”; sarà un momento di amplificazione e rilancio dell’iniziativa fondamentale, dato che per ora abbiamo promosso “Dillo a noi” solo con passa parola e qualche mail. La nostra speranza è quella di far clonare questa iniziativa in altri Circoli PD e magari poi dar vita ad un incontro cittadino che colleghi queste esperienze ed abbia come referente il Comune. Siamo già in contatto con i Circoli dell’Alberone, di San Paolo e Monte Sacro-Talenti.

Agatino Grillo: Bene, buon lavoro.

Italo Pesce Delfino: Grazie e buon lavoro anche a voi.

140307-italo-pesci-delfino-3

(Italo Pesci Delfino)

Contatti

Agridea, intervista a Roberto Falzea di Officine Democratiche Messina (5 marzo 2014)

agridea-new-2
OffDem Messina: mappare i terreni abbandonati, registrarli in una banca dati, assegnarli a cooperative per sviluppare progetti agricoli

Agatino Grillo: Ciao Roberto. Presentati in due battute.

Roberto Falzea: Sono un medico chirurgo ed abito e lavoro a Messina. Nel gennaio 2014 insieme ad altri amici ho dato vita a Officine Democratiche Messina  .

Agatino Grillo: Cos’è il progetto “Agridea” che hai presentato all’ultimo incontro di OffDem Messina?

Roberto Falzea: L’idea nasce dalla constatazione che, a fronte di una disoccupazione sempre più galoppante, abbiamo contemporaneamente da un lato l’abbandono delle terre con conseguente incremento del dissesto idrogeologico e dall’altro una richiesta sempre maggiore di un mercato agroalimentare biologico.
“Agridea” si propone, dopo avere “mappato” tutti i terreni abbandonati sia demaniali che privati ed averli inseriti in una banca dati istituita presso la Banca delle Terre, di assegnarli a cooperative per sviluppare progetti agricoli. In tal modo possiamo ridurre la disoccupazione giovanile e dare un’opportunità a tutti i giovani che hanno voglia di inserirsi in un contesto lavorativo.

agridea-3-punti

Agatino Grillo: Come pensate, in pratica, di realizzare questo progetto?

Roberto Falzea: A nostro avviso il successo dell’iniziativa è legato a tre punti chiave:

  1. formazione,
  2. organizzazione
  3. coordinamento e assistenza

Agatino Grillo: Cominciamo dalla formazione …

Roberto Falzea: Occorre creare dei centri di formazione per insegnare l’arte dell’agricoltura. Servono esperti che formeranno i “nuovi agricoltori” in base alla specialità scelta da ogni cooperativa, ad esempio coltivazione biologica, coltivazione piante aromatiche o coltivazioni di aloe.

Agatino Grillo: Organizzazione?

Roberto Falzea: Dovremo organizzare vari gruppi omogenei di ragazzi per la realizzazione di cooperative agricole. A ciascuna cooperativa verrà assegnato un lotto di terreno. Si cercherà di utilizzare un microcredito per la raccolta dei fondi necessari per iniziare.

Agatino Grillo: Coordinamento e assistenza?

Roberto Falzea: È molto importante seguire i ragazzi e le cooperative dall’inizio alla fine del loro percorso “imprenditoriale”: il nostro obiettivo è che ogni cooperativa, alla fine, sia in grado di crescere e sopravvivere autonomamente.

Agatino Grillo: Grazie Roberto e buon lavoro.

Roberto Falzea: Grazie a voi.

Per contattare Roberto Falzea

140117-foto-roberto-falzea

Informazioni su Officine Democratiche Messina

Officine Democratiche (nazionali)

Articoli collegati

Allegato

PD Lazio: prima assemblea regionale - 16 marzo 2014

Politica: 

simbolo_pdlazio2

(Il 16 febbraio 2014 sono stato eletto all’Assemblea regionale del PD Lazio la cui prima riuniopne si terrà domenica 16 marzo 2014. Ecco la comunicazione ufficiale)

Ai Membri dell’Assemblea Regionale

Oggetto: Convocazione Assemblea Regionale

L’Assemblea Regionale del PD Lazio è convocata per domenica 16 marzo ore 9:30
presso il Centro Congressi Frentani (Via dei Frentani, 4 – Roma)

O.d.g. :       

  • Proclamazione dei risultati delle elezioni per l’elezione dell’Assemblea e del Segretario Regionale del 16 febbraio u.s.
  • Elezione del Presidente dell’Assemblea
  • Proclamazione del Segretario Regionale
  • Elezione del Tesoriere
  • Elezione della Commissione regionale di Garanzia
  • Elezione della Direzione regionale

Saluti
 
Per la Commissione Regionale per il Congresso
Domenico Giraldi

Via delle Sette Chiese 142
00145 Roma
Tel +39 06 518622
Fax +39 0651862120
segreteria@pdlazio.it
www.pdlazio.it

140305-risultati-definitivi-primarie-pdlazio-2

(Risultati definitivi delle primarie del PD Lazio del 16 febbraio 2014, clicca per ingrandire immagine, qui in pdf)

Allegati

Officine Democratiche Messina: “Riscrivere il sistema fiscale per renderlo più equo” (Gazzetta del Sud, 1° marzo 2014)

140303-offdem-messina-ruffini

(Cicero, Raffini, Nicolai e Salmeri durante la presentazione del volume)
Presentato alla Feltrinelli Point di Messina il libro “L’evasione fiscale spiegata a un evasore”, dell’avvocato tributarista Ernesto Maria Ruffini

Le tasse sono il mezzo con cui il cittadino dà il proprio contributo allo Stato ma i numeri esorbitanti legati all’evasione - circa 120 miliardi annui, soldi sottratti a servizi essenziali come sanità, istruzione - dimostrano come da tempo nel Paese si sia creato un forte scollamento tra Stato e contribuente.
Parte da questo assunto la riflessione attorno ad una questione di stringente attualità, legata al Fisco, condotta da Ernesto Maria Ruffini, avvocato tributarista, ieri a Messina per presentare, al Feltrinelli Point, il volume “L’evasione fiscale spiegata a un evasore”, (Edizioni Ediesse).
Un libro che parla di tasse in maniera divulgativa e si rivolge ai cittadini.
Per questo utilizza un pretesto semplice come quello del dialogo tra un esperto del settore e un piccolo evasore, un commerciante di abbigliamento: «Un espediente godibile per sottolineare il valore di quel patto fondativo tra i cittadini e lo Stato e mai come negli ultimi anni, fiscalità, tributi, imposte sono divenuti temi centrali nel dibattito politico, mentre il contribuente fa sempre più fatica a comprendere come i tributi da lui versati vengano impiegati», ha chiarito in apertura il vice caporedattore della Gazzetta del Sud Franco Cicero, che ha moderato l’incontro organizzato da “Officine Democratiche” associazione politica nata come incubatore di idee a partire dal 2011, trasformatasi poi come network nazionale e sviluppatasi attorno al progetto politico di Matteo Renzi, oggi neopresidente del Consiglio.
«Anche a Messina l’associazionismo politico resta l’unica possibilità di confronto e di dibattito e Officine Democratiche, costituita il 13 gennaio scorso - ha spiegato Gianfranco Salmeri, coordinatore dell’associazione - vuole attivare un dialogo in una città massacrata dalla crisi politica oltre che da quella economica».
La presentazione del volume dell’avvocato Ruffini ha inaugurato un percorso che vuol essere incubatore di idee per proporre un nuovo modello di partecipazione basato sulle competenze e su “campagne di mobilitazione” specifiche, con un approccio alla politica più “light” rispetto a quello della militanza in un partito per permettere a professionisti, imprenditori, lavoratori di impegnarsi per la propria comunità offrendo il proprio talento magari su singole iniziative anche senza un impegno continuo.
A dialogare con Ruffini il presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti Enrico Spicuzza, che ha sottolineato come «l’evasione, determinata spesso anche dall’incertezza su norme tributarie e fiscali ed è un fenomeno assai complesso», e l’avvocato tributarista Iole Nicolai, esperto di Officine Democratiche, che ha ricordato come giovedì sia stata approvata in Parlamento la Delega fiscale, che autorizza il Governo a riscrivere il sistema fiscale per renderlo più equo, trasparente e orientato alla crescita.
«Alla base di una vera equità fiscale debbano esserci semplicità e semplificazione», linea guida, questa, individuata da Ruffini nel volume (prefazione di Romano Prodi e postfazione di Vincenzo Visco).

1796-2 Evasione spiegata a un evasore-3
Secondo la visione di Ruffini, lo Stato non deve essere più cieco esattore, ma offrire tutti i servizi necessari per consentire ai cittadini di essere dei buoni contribuenti.

140303-ernesto-ruffini

(Ernesto Maria Ruffini)
Non a caso, mette sotto accusa anche la burocrazia, per le sue mancanze e i suoi abusi e avanza una proposta coraggiosa, il “Fisco 2.0”, un nuovo patto che sappia sfruttare i sistemi informatici per semplificare la vita ai cittadini in cambio della loro lealtà fiscale.
Una proposta che prende le mosse dalla riforma Prodi-Visco e propone di rinnovare il sistema seguendo due principi base: avviare un’ondata di informatizzazione e compiere un passo deciso verso la smaterializzazione dei mezzi di pagamento e l’abbandono del contante, tenendo sempre a mente che l’approccio più effi-cace non è quello della repressione ex post ma della dissuasione e del dialogo preventivo.

Informazioni su Officine Democratiche Messina

Gianfranco Salmeri, coordinatore

140116-sebastiano-lucerna

Sebastiano Lucerna, comunicazione

140116-sebastiano-lucerna

Roberto Falzea, tesoriere

140117-foto-roberto-falzea

Officine Democratiche (nazionali)

Articoli collegati

Nasce Officine Democratiche Manduria – Intervista a Flavio Massari (28 febbraio 2014)

flavio massari

(Flavio Massari clicca per ingrandire)
Officine Democratiche Manduria: un nuovo modo di “fare politica” coinvolgendo i cittadini a collaborare con le istituzioni per risolvere i problemi del territorio

Agatino Grillo: Buongiorno Flavio, vuoi presentarti?

Flavio Massari: Buon giorno a Voi! Mi presento, sono Flavio Massari, nato in quel di Taranto l’undici febbraio del 1981. Da sempre residente nel Comune di Manduria, la Terra del Primitivo... di quello buono!!! L’amore per il Diritto mi porta a scegliere gli studi giurisprudenziali e nel 2007 conseguo il Diploma di Dottore in legge, intraprendendo la via dell’Avvocatura. Altra passione che mi accompagna da sempre è quella per la politica.

Agatino Grillo: Come inizia il tuo impegno in politica?

Flavio Massari: Credo che il mio destino delle Officine fosse scritto. In occasione delle elezioni amministrative del 2010, infatti, allorquando fui candidato come consigliere comunale con il PD, scelsi di aprire su Facebook un gruppo denominato “L’officina di Flavio Massari” con lo scopo di dare spazio e voce ai miei tanti amici e concittadini sulle tematiche importanti e sulle problematiche del territorio. Oggi, con la costituzione di “Officine Democratiche Manduria” mi viene data la possibilità di rappresentare un gruppo di amici che credono fermamente nell’idea che il far parte di una associazione sia il primo passo per coinvolgere i cittadini in un processo di interazione con le istituzioni, affrontando in prima persona i problemi che attanagliano la società.

Agatino Grillo: Cos’è Officine Democratiche? E perché crearne una sezione locale a Manduria?

Flavio Massari: Officine Democratiche è un nuovo modo di “fare politica”: vogliamo che l’associazione rappresenti per Manduria una vera e propria opportunità di crescita, capace di dare finalmente lustro alle qualità dei talenti esistenti nel nostro tessuto sociale nonché di valorizzare le tante capacità e vocazioni del territorio.

Agatino Grillo: Perché costituire una nuova associazione? Perché non impegnarsi per il territorio attraverso ad esempio i partiti già esistenti o altri comitati/associazioni?

Flavio Massari: Officine Democratiche Manduria è stata costituita da un gruppo di amici che sono solo il motore iniziale. Abbiamo deciso per ora di distribuire alcune cariche apicali quali la Presidenza (io), il tesoriere (Michele De Valerio) e il Responsabile alle comunicazioni (Federica Fanuli), ruoli che riteniamo comunque solo provvisori in attesa della prima assemblea di tutti gli associati che avrà il compito di eleggere gli organi statuari definitivi. La costituzione di questa associazione serve secondo noi per allargare la base cognitiva e di discussione, creando un laboratorio di idee fatto di persone che possano condividere ed ampliare le caratteristiche intrinseche ad un tradizionale partito.

Agatino Grillo: Quale programma concreto vi siete dati come OffDem Manduria?

Flavio Massari: Secondo noi è essenziale creare una rete su tutto il territorio jonico ed interprovinciale che dibatta su argomenti generali in una ottica locale.

Agatino Grillo: Quali sono i prossimi passi dell’associazione?

Flavio Massari:: Sicuramente il primo passo sarà quello di costituire un gruppo attivo per poi pubblicizzare gli scopi dell’associazione, soprattutto promuovendo iniziative pubbliche che siano funzionali ad una idea di sviluppo del territorio.

Agatino Grillo: Grazie Flavio e buon lavoro.

Flavio Massari: Grazie a voi e buon lavoro a tutti noi.

Officine Democratiche Manduria

Link

Officine Democratiche (nazionali)

Articoli collegati

Infografica: chi vota alle Primarie del PD? (Circolo Alberone, 27 febbraio 2014)

Politica: 

cover-chi-vota

Profilazione dell’elettore alla primarie del PD attraverso il questionario Alberone: età, titolo di studio, iscritto o no al partito?

In occasione delle Primarie del 16 febbraio 2014 per la scelta del segretario regionale del PD, il Circolo Alberone di Roma, via Appia Nuova 361, ha distribuito un questionario per raccogliere le opinioni di iscritti ed elettori sul partito, sul circolo, sulle primarie, sulla recente “staffetta” alla guida del Governo nazionale. I questionari compilati sono stati 105 rispetto a 109 votanti alle Primarie presso il Circolo. I risultati del questionario sono stati sintetizzati in un documento (scarica in formato word e pdf) di che sarà presentato nel corso del “Direttivo aperto” previsto per oggi. Ecco anche l’infografica di sintesi.

140227-profilo-elettori-primarie-16-febbraio-2014-a3-completo-mini

(Clicca sull'iimagine per ingrandire infografica)

Pagine

Subscribe to democratici-digitali RSS